“COMUNICATO VERITAS/FIODA"
(Torino, 21 ottobre 2004)
 

Torino, 21-10-004

"Comunicato VERITAS/FIODA"

"FEDERAZIONE INTERNAZIONALE tra ORGANISMI DI ACCREDITAMENTO (FIODA)"


 

Finalmente è stato costituito, in data di Lunedì 5 Aprile 2004, a Losanna, la Federazione Internazionale tra gli Organismi di Accreditamento Indipendenti (FIODA), aderenti al Circuito OPTYMUS (Asseverazione Internazionale Organismi di Accreditamento).


 

CHI ACCREDITA CHI
Il Circuito OPTYMUS (Asseverazione Internazionale Organismi di Accreditamento) garantisce gli aventi causa sul piano operativo per quanto attiene al processo di armonizzazione, integrazione, miglioramento, aggiornamento ed eticità dei criteri e dei procedimenti di Accreditamento, in specie riferiti agli Organismi Accreditanti, sul piano tecnico e per quanto attiene alle procedure ed ai documenti applicativi.
IL CIRCUITO OPTYMUS
(Asseverazione Internazionale Organismi di Accreditamento)
non svolge alcuna diretta attività accreditante, restando questa attività di esclusiva pertinenza degli Organismi di Accredito Indipendenti (VERITAS , SINCERITY e SINCERITY’s) Federati nella FIODA (Federazione Internazionale Organismi di Accreditamento Indipendenti) ma limita la propria autorità ed impegno nella funzione di ASSEVERAZIONE e CONTROLLO degli adempimenti e comportamenti deontologici degli Organismi Accreditati, Accreditandi e Accreditanti.
Si è quindi provveduto, di conseguenza, alla costituzione di un “Comitato Etico di Accreditamento” con funzioni propositive e sanzionatorie al fine di armonizzare ed indirizzare i criteri, le funzioni e le relative procedure di Accreditamento degli Organismi Accreditanti che, “per libera scelta”, hanno deciso di aderire ai “PROTOCOLLI FEDERALI”.
Nel prossimo futuro, all’interno del Comitato Etico di Accreditamento, s’è stabilito di promuovere l’accesso ai Rappresentanti delle Associazioni di Categoria, Imprenditoriali, Professionali, Sindacali, delle Associazioni di Consumatori, dei Rappresentati delle Istituzioni, delle Pubbliche Amministrazioni, delle Realtà Ministeriali, Politiche, Sindacali ed Amministrative per conseguire le finalità d’Istituto, quelle di generare e rafforzare la fiducia del Mercato e degli Operatori di settore sul controverso ed autoreferenziato mondo della Certificazione di Qualità, Consulenziale, della Ricerca Demoscopica e di tutte quelle realtà terze che offrono al Mercato servizi fiduciari, recuperando deontologia e certezze etico-comportamentali.
Come espressamente previsto dal Capitolato Regolamentare, tutti i documenti (Certificati Qualità, relativa documentazione di supporto, Certificazioni di Accredito relative al mondo della Consulenza fiduciaria e Sondaggistica in senso lato) emessi dagli Organismi Federati al Circuito OPTYMUS ed Associati alla FIODA, dovranno riportare su tutti i loro documenti, oltre al Marchio Aziendale del Soggetto Emittente, anche i marchi della Federazione e del Circuito di Asseverazione, contestualizzando, così, tanto l’adesione che l’accettazione anche dei Regolamenti del “MARKET ABUSE”, cui la Federazione FIODA ed il Circuito OPTYMUS aderiscono.



 

Inoltreremo codesta documentazione al Ministero delle Attività Produttive
al fine di consegnare anche il nostro contributo nell’intento etico e deontologico di fare chiarezza sulla volontà della nostra Federazione fra Organismi di Accreditamento Indipendenti di restare autonomi e di coltivare il diritto alla concorrenza, esprimendo il nostro totale dissenso sull’ipotesi, invero futuribile, della utopica costituzione di un Unico Ente di Accreditamento che, nei fatti, andrebbe nella direzione (per altro vietata dalla Legge Italiana) di esercizio di Posizione Dominante, che improvvidamente giustificherebbe un monopolio, ledendo il diritto alla concorrenza tra Soggetti diversi ed in competizione tra loro, concetti ed ipotesi espressamente previsti dalla Legge dello Stato Italiano come vietati e la cui tutela è demandata ad una apposita Authority, quella dell’Antitrust.
In controtendenza ad altre e nobili realtà Accreditanti già operanti da lunga pezza in Italia, la nostra Federazione (FIODA) ed il nostro Circuito (OPTYMUS) si adopreranno con forza, tenacia e determinazione, affinché codesta deprecabile utopia e vessatoria opportunità non venga mai a realizzarsi, per il bene del Mercato e della libertà d’impresa.
I rischi di turbativa per il corretto svilupparsi di realtà alternative a quella già consolidata ma che non può e, oserei dire, non deve ritenersi depositaria di un monopolio cui peraltro è legittimo opporsi, suggeriscono attenzioni e vigilanza ed è indispensabile che tutti gli Aventi Causa e Titolo, a partire dagli Operatori di settore, dalle Pubbliche Amministrazioni, dalle Realtà Istituzionali e di Governo, dalle Organizzazioni Produttive di beni e servizi, dalle Forze Politiche, Sociali e rappresentative di Interessi di Categoria sino agli stessi Cittadini, che sono i destinatari ultimi delle garanzie di eticità derivanti dalla concezione stessa delle Asseverazioni conseguenti l’Accreditamento, partecipino con il loro vigile contributo a fare chiarezza, pretendendo chiarezza a loro volta, su un derivato di mercato cui sinora non s’è prestata sufficiente attenzione, in ragione della spendita di una supposta autorevolezza che taluni impropriamente hanno veicolato e che si riteneva, altrettanto impropriamente, derivante da postulati di legge che però alcun Governo ed alcuna Autorità Istituzionale ha demandato loro.
Come è ormai di pubblico dominio, l’ACCREDITO è una scelta volontaria e non cogente; un valore aggiunto semplicemente testimoniato dalla soggettiva decisione di assoggettarsi ad un Organismo terzo che, con l’ACCREDITO, Avvalora ed Assevera i comportamenti cui s’è liberamente deciso di aderire.





Dr. Alessandro Felloni



1. DOCUMENTO ORIGINALE (formato pdf)
Vedi Documento