Sono Alessandro Felloni,
rappresento l'Istituto Italiano Certificazione Qualità e mi rivolgo personalmente ai Costruttori edili e agli Immobiliaristi.

Sono certo, e so che condividete,
che valorizzare il Vostro immobile con una Certificazione di Qualità
Vi faciliterà le vendite e le renderà più rapide e remunerative.


Vi distingue dalla concorrenza e premia la Vostra professionalità.

"Se volete saperne di più, non esitate, contattatemi".

Finalmente anche in Italia
viene introdotto - nel delicato settore immobiliare -il
CERTIFICATO di QUALITA' IMMOBILIARE
Intervista al Direttore dell'Istituto Italiano Certificazione Qualità che ha promosso nel nostro Paese, ed offre in esclusiva nazionale al mercato, questa straordinaria iniziativa già operante in altri Paesi della Comunità Europea e che ha consentito un lodevole rinnovamento del complesso rapporto fornitore-cliente.

A Torino qualcosa di importante e che innoverà il mercato, si muove nel settore immobiliare che, come è noto, è legato a vecchi e tradizionali sistemi di trattazione e contrattualità.
Non si pensi a una rivoluzione copernicana, ma ad una iniziativa lodevole ed intrigante che un Ente di Certificazione Torinese, presente a livello internazionale quanto radicato sul territorio nazionale, ha reso disponibile al mercato e, più segnatamente, alle Agenzie ed ai circuiti Immobiliari.
Il cliente è un patrimonio che va tutelato, garantito ed aiutato a scegliere la realtà immobiliare più aderente alle sue esigenze di prezzo e di aspettative; il sano concetto commerciale di comparare costi-benefici va perseguito e, meglio ancora, CERTIFICATO.
La letteratura che i media ci trasmettono è spesso legata a fatti angoscianti e la clientela del "BENE CASA" si trova spesso in balìa di se stessa ed alla mercé di operatori del settore sempre più smaliziati e che si muovono, talvolta, approfittando dell'ignoranza, del bisogno e dell'inesperienza dell'acquirente medio; acquirente spesso in condizione di necessità e, quindi, di affidarsi alla superiore dialettica ed al preponderante potere contrattuale che esercita il venditore. Questi, talvolta, è portato a prospettare per garanzia dei banali e superficiali argomenti di vendita, nella convinzione d'essere in sintonia col mercato e la deontologia.
Dall'analisi di codeste sentite esigenze e della constatazione che episodi di malaffare non sono così infrequenti, deriva l'iniziativa dell'
ISTITUTO ITALIANO CERTIFICAZIONE QUALITA'

che, finalmente, propone al mercato la

Certificazione di "QUALITA' IMMOBILIARE"

Intervistiamo il dott. Alessandro Felloni, direttore dell'Istituto Italiano Certificazione Qualità di Torino, per capire e saperne di più su codesta importante e rivoluzionaria iniziativa:

D - Le Agenzie immobiliari - specie se consorziate in circuiti commerciali con marchio consolidato, rilasciano già una garanzia frutto della loro reputazione e dalla pluriennale esperienza sul mercato: come si giustifica l'esigenza di una garanzia ulteriore? Non è una inutile sovrapposizione?
R - Il nostro "Certificato di Qualità Immobiliare" non è una semplice garanzia orale e nemmeno una semplice testimonianza scritta bensì, una Certificazione di Prodotto, ovvero, una Certificazione di Qualità Immobiliare che non si sovrappone alle "garanzie" di cui sopra ma ne sottolinea l'autorevolezza certificandone la veridicità e dichiarando, in sostanza, che quanto l'immobiliarista ha asserito corrisponde allo stato di eccellenza dell'unità immobiliare oggetto della trattativa di acquisto.
Anche i clienti più sprovveduti o in buona fede, così come i più avveduti e perspicaci, sanno che il venditore di immobili è portato a magnificare la qualità del prodotto immobiliare: la Certificazione di Qualità Immobiliare, emessa da un ENTE TERZO, rende trasparente, autorevole e certo ciò che il venditore asserisce e che, in quanto certificato, deve corrispondere allo stato effettivo del bene, oggetto della trattativa di vendita.

D.- Come si realizza questo vostro controllo?
R - L'immobiliarista, il costruttore o il semplice intermediario che aderisce alla nostra iniziativa si deve impegnare - contrattualmente - a consentire ad un Ispettore del nostro Istituto di periziare lo stato effettivo dell'unità immobiliare per la quale si richiede la
Certificazione di "QUALITA' IMMOBILIARE".
Se la perizia non dovesse corrispondere alle caratteristiche dichiarate e pattuite contrattualmente il venditore si impegnerà ad adeguare l'unità immobiliare alla perizia.

D - Come si sviluppa materialmente questa lodevole ed importante iniziativa?
R - Il venditore esibirà e consegnerà il Certificato di Qualità Immobiliare emesso dall'Istituto Italiano Certificazione Qualità all'acquirente.
Sul Certificato verrà annotata l'ubicazione certa e riconoscibile dell'unità immobiliare con la citazione della città, della strada - piazza o vicolo, del piano, dell'interno, delle pertinenze (cantina - soffitta - garage - giardino - altro), dell'anno del condominio, della casa, dell'abitazione a schiera o rustico, ove è allocata l'unità immobiliare da certificare. Il
Certificato di "QUALITA' IMMOBILIARE".
ha come oggetto la valutazione di ben otto elementi principali quali: condizione generale, impianto riscaldamento, impianto elettrico, impianto idrico, sanitari, pavimentazione, infissi interni (porte - finestre), infissi esterni (portone - portoncino - persiane - avvolgibili).
Ogni singolo elemento sarà oggetto di attenta analisi e verrà valutato da un nostro perito con una punzonatura che non consentirà modificazioni del giudizio: verrà forata la casella corrispondente alla valutazione di ottimo con 5 fori, 4 buona, 3 sufficiente, 2 mediocre, 1 scarsa.
Ogni certificato verrà personalizzato con il logo dell'immobiliarista e recherà un numero di protocollo e di registrazione che consentiranno agli Ispettori dell'Istituto Italiano Certificazione Qualità di identificare il certificato con l'unità immobiliare di riferimento.

D - Che interesse può avere l'immobiliarista ad aderire alla vostra iniziativa?
R - Sarò irriverente ed un poco visionario ma non ricordo di avere intrattenuto rapporti con immobiliaristi stupidi; so con assoluta certezza che alcuni sono molto scaltri, altri assai intelligenti, ma nessuno - e sottolineo nessuno - imbecille.
Tutti quelli del settore sanno che un grande supporto alla vendita ed un argomento convincente sono una benedizione per il settore. Tutti sanno che non v'è argomento più intrigante e convincente, rispetto a quelli usuali di vendita, quanto quello supportato da un CERTIFICATO di un ENTE Terzo che autorevolmente ratifica ciò che il venditore asserisce e che deve assolutamente corrispondere allo stato di eccellenza dell'unità immobiliare oggetto della trattativa di vendita.
Anche i Clienti meno avveduti o semplicemente fiduciosi avvertono la necessità di un rapporto chiaro e trasparente con l'immobiliarista, ed ancora meglio e più tranquillizzante se CERTIFICATO da un ENTE Terzo il cui tramite si traduce in maggior fiducia e serenità tanto per il venditore che per il Cliente.

D - Il vostro intervento non viene a menomare il prestigio e la credibilità dell'immobiliarista?
R - Al contrario esalta l'uno e l'altra, ovvero, mette in evidenza che l'immobiliarista non teme la verifica bensì la sollecita in virtù della conclamata consapevolezza che quanto essi affermano può tranquillamente sopportare verifiche, ispezioni e controlli senza temerne le conseguenze: solo chi è nel giusto ed agisce con professionalità e secondo deontologia non teme giudizi ma li sollecita, a tutto vantaggio delle parti e del mercato.

D - Questa iniziativa può interessare solo i grandi e i circuiti commerciali o è utilizzabile anche dai piccoli immobiliaristi?
R - I grandi immobiliaristi ed i circuiti commerciali possono essere interessati perché la loro reputazione, che ovviamente è un grande patrimonio, ne risulterà esaltata, conclamata e ratificata, i piccoli perché aggiungeranno certezze ai loro deboli argomenti, ed ai clienti perché, finalmente, un Ente terzo concorre in modo autorevole e certo, emettendo un
Certificato di "QUALITA' IMMOBILIARE".
a rendere trasparente ciò che in precedenza poteva sembrare nebuloso.
Insomma, come Direttore dell'Istituto Italiano Certificazione Qualità sono consapevole e certo che il nostro
Certificato di "QUALITA' IMMOBILIARE".
non rivoluzionerà il rapporto fornitore-cliente a vantaggio di una delle parti, ma concorrerà in modo determinante a consegnare ai primi, un grande strumento di lavoro che faciliterà e renderà autorevole e più efficace il compito del venditore, ed ai secondi, trasferirà quelle certezze che non siano, com'era nel passato, il frutto di una fiducia cieca e senza riscontri, bensì la acquisita consapevolezza di aver sottoscritto un contratto di acquisto rispettoso dei reciproci interessi, della deontologia e certo negli obiettivi.
Finalmente, anche nel mercato immobiliare, la serenità di un acquisto consapevole e meditato, viene garantito e certificato.